Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 20 Maggio 2020 12:42

Sanità, 14 consiglieri regionali pronti a sostenere le proposte dei 20 medici valdostani

Aosta - La Lega, Rete Civica, Mouv, M5S e Restano esprimendo apprezzamento per il documento elaborato dai medici si dicono pronti a sostenere e promuovere le proposte avanzate. "Servono poche azioni chiare e coerenti."

Ambulanze - ambulanza - Automedica - usl - ospedale

Quattordici consiglieri regionali si schierano dalla parte dei venti medici valdostani che, con una missiva, bocciano il piano per la fase 2 elaborato dal Collegio di direzione dell’Azienda Usl, proponendo nuove soluzioni.

Stefano Aggravi, Luca Distort, Roberto Luboz, Diego Lucianaz, Andrea Manfrin, Paolo Sammaritani, Nicoletta Spelgatti (Lega Vallée d’Aoste), Alberto Bertin e Chiara Minelli (Rete Civica-Alliance Citoyenne), Elso Gerandin (Mouv’), Manuela Nasso, Maria Luisa Russo e Luigi Vesan (Movimento 5 Stelle) e Claudio Restano (Misto) esprimendo apprezzamento per il documento elaborato dai medici si dicono pronti a sostenere e promuovere le proposte in esso contenute.

“L’attuale Consiglio regionale, che è in prorogatio, e l’Azienda sanitaria locale, guidata da un Commissario da ormai più di 2 anni, hanno il dovere di organizzare e gestire la fase 2 del Covid-19, già iniziata, con un orizzonte temporale non superiore a 6 mesi – osservano i Consiglieri -. Il nostro sistema sociosanitario, che vive una situazione di cronica fragilità causata da anni di scarsi investimenti, ha oggi necessità di poche azioni chiare e coerenti che mettano in sicurezza il sistema ospedaliero e territoriale nel caso di un nuovo aumento di contagi.”

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>