Addio a contanti e bonifici, dal 1° marzo in Comune si usa PagoPA

A partire dal 1° marzo tutti i pagamenti dovuti alla Pubblica Amministrazione dovranno essere eseguiti attraverso il sistema PagoPA. I pagamenti potranno, però, avvenire anche con bancomat e carte di credito agli sportelli, ad eccezione delle contravvenzioni.
Soldi Euro
Società

Il Comune di Aosta dice “addio” ai pagamenti in contanti. Da piazza Chanoux, infatti, fanno sapere che in ottemperanza alle norme in vigore, a partire dal 1° marzo tutti i pagamenti dovuti alla Pubblica Amministrazione dovranno essere eseguiti attraverso il sistema PagoPA.

La novità riguarda tutti i servizi erogati dal Comune, con particolare riferimento ai pagamenti effettuati allo sportelloamicoinComune”, inclusi quelli svolti dalla società Aps.

Non potranno, quindi, più essere effettuati in favore dell’Ente pagamenti in contanti o a mezzo bonifico su conto corrente bancario o postale.

I pagamenti potranno, però, avvenire anche con bancomat e carte di credito agli sportelli, ad eccezione delle contravvenzioni comminate dalla Polizia Locale per violazioni del Codice della strada, per le quali non sarà più possibile effettuare il pagamento agli sportelli del Comune, ma solo tramite la piattaforma PagoPA.

PagoPA è una nuova modalità per eseguire – tramite i Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti – i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione in modalità standardizzata. I pagamenti possono essere effettuati direttamente sul sito web del Comunale nella sezione “Pagamenti Online”, raggiungibile tramite un pulsante dedicato in homepage. Per maggiori informazioni sul sistema PagoPA è possibile consultare il sito dedicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte