Affidata fino a settembre 2022 la gestione del nido aziendale Usl “Le Marachelle”

A comunicarlo è l’Azienda sanitaria. La cooperativa “La Sorgente” di Aosta gestirà il servizio anche per il periodo dal 5 luglio 2021 al 4 settembre 2022. Tredici i bimbi e le bimbe che saranno inseriti al nido tra luglio e ottobre 2021.
leMarachelle nuova sede
Società

È stato affidato alla cooperativaLa Sorgente” di Aosta, anche per il periodo dal 5 luglio 2021 al 4 settembre 2022, l’asilo nido aziendaleLe Marachelle”.

A comunicarlo è l’Usl. Al bando di iscrizione per l’anno pedagogico 2021-2022, appena chiuso, hanno risposto in 27 lavoratori e lavoratrici dell’Azienda, in grande maggioranza sanitari, sia del comparto sia medici. Tredici bimbi e bimbe saranno inseriti al nido aziendale tra luglio e ottobre 2021.

La graduatoria sarà valida fino a maggio 2022. In caso di rinuncia all’iscrizione o ritiri saranno chiamati i bimbi in graduatoria non inseriti.

“L’attività del nido aziendale non si è mai interrotta – spiega il Direttore generale dell’Azienda sanitaria Marco Ottonello – nonostante le problematiche legate all’emergenza sanitaria. Le modalità operative e gestionali sono state armonizzate rispetto alle indicazioni regionali e nazionali per la gestione in piena sicurezza del servizio e sono state costantemente aggiornate, in maniera tale da rispondere alle esigenze del personale interessato e sempre con l’obiettivo di rispondere alla necessità di sostenere i dipendenti nella cura dei propri figli, con l’obiettivo principale di conciliare i tempi di vita e di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori dell’Usl, con particolare attenzione a chi è soggetto a turni e reperibilità”.

Inaugurato il 19 aprile 2005, dopo due anni di attività preparatorie finanziate da fondi europei, Le Marachelle” – prosegue la nota – può vantare il primato di essere stato uno tra i primi nidi aziendali di una realtà sanitaria. Ad oggi, il servizio è interamente finanziato con risorse Usl.

“Abbiamo pensato al nido come un serviziocucito addossoalle esigenze di un’azienda sanitaria e, pertanto, necessariamente caratterizzato da orari prolungati e molto flessibili, quindici anni fa un’eccezione, e mantenendo sempre prioritario il benessere dei bambini e delle bambine che frequentavano il nido – spiega Anna Castiglion, responsabile dell’Ufficio Innovazione e Ricerca dell’Usl e referente del progetto “Le Marachelle” fin dal suo avvio –. L’attenzione alle esigenze dei nostri lavoratori e lavoratrici continua ancora oggi. Infatti, per venire incontro alle esigenze di quei genitori, spesso nostri dipendenti entrambi, che, a causa di esigenze di lavoro devono utilizzare molto il nido, è stata introdotta una nuova opzione di frequenza, ‘full e fissa’, che garantisce una tariffa fissa e la frequenza libera”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati