La Giunta di Aosta ha deciso di ampliare i Servizi agli anziani

Il Governo comunale ha deciso di mettere sul tavolo cifre sostanziose per l’ampliamento delle prestazioni contrattuali sui servizi residenziali e semi-residenziali e i pasti caldi a domicilio. L'Assessora Forcellati: "C’è necessità di una maggiore presenza".
anziani
Società

I Servizi agli anziani del Comune di Aosta verranno allargati. A deciderlo, oggi, una delibera di Giunta che prevede l’ampliamento delle prestazioni contrattuali e l’utilizzo del quinto d’obbligo sui servizi residenziali e semi-residenziali – e quelli accessori –, così come per i pasti caldi a domicilio.

Ampliamento per il quale l’Ente mette sul tavolo –  cifre sostanziose: 49.096,33 euro per il 2021, 220.813,10 sul 2022 (e 73.764,86 per gli anziani a domicilio), 294.577,96 per gli anni 2023/24 e 61.370,40 per il 2025, che consistono nell’incremento delle ore di assistenza erogate a favore degli ospiti delle strutture di viale Gran San Bernardo, viale Europa e corso Saint-Martin-de-Corléans e di quelli del Centro diurno in piazza della Repubblica – nei locali del JB Festaz – utilizzando l’opportunità del quinto d’obbligo.

A spiegare la ratio che sottende è l’Assessora alle Politiche sociali Clotilde Forcellati: “A fronte di un lavoro di approfondimento con le cooperative e con i nostri legali ci siamo concentrati sulla solitudine, le difficoltà degli anziani e al fatto che per tanto tempo non hanno potuto vedere i loro cari durante la pandemia. Il decadimento, purtroppo, è facile, quindi c’è un bisogno maggiore di assistenza di qualità e di quantità, come anche di progetti di animazione per sviluppare le qualità cognitive degli ospiti”.

Riguardo il Centro diurno Forcellati spiega: “Era previsto all’interno delle microcomunità, ma nonostante tutti gli ospiti siano muniti di Green pass, per scrupolo, essendo ora in piazza della Repubblica, in locali luminosi e adeguati, c’è necessità di una maggiore presenza. Anche perché se prima, con tutti gli ospiti nelle strutture, c’era una comunicazione diretta tra diurno, residenziale e semi-residenziale ora, con una parte a distanza, è più difficile e si deve ovviare”.

Un passaggio che sarà immediato – prosegue l’Assessora –, dopo l’incontro con i sindacati ed il percorso costruito con i gestori “ai quali è stata chiesta un’implementazione di progetti specifici per gli anziani”.

“Intendiamoci – specifica Forcellati –, la cooperativa sta rispondendo a quanto previsto dal capitolato, non sono assolutamente inadempienti. Noi ora, con questo ampliamento e queste risorse, diciamo loro che ci serve di più e meglio”.

Nessuna defezione per Green pass tra gli Oss del Capoluogo

Rispetto ai problemi segnalati dalle Unités des Communes, ad Aosta non è stata registrata nessuna defezione tra gli operatori socio-sanitari che lavorano nei servizi dedicati agli anziani del Comune di Aosta riguardo la questione Green pass.

Forcellati conferma: “Noi non abbiamo avuto problemi di copertura. A parte che abbiamo una gestione completamente esternalizzata, quindi indiretta, la cooperativa che gestisce il servizio ha dato da subito i nominativi dei dipendenti all’Usl. Lavoratori che avevano comunque deciso già di vaccinarsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte