Nuova viabilità ad Aosta, Confcommercio chiede un confronto con l’Amministrazione

L'Associazione, dopo l'approvazione del Piano del traffico urbano, chiede al Comune un confronto sulla futura mobilità cittadina. Dominidiato: "Necessario individuare soluzioni condivise per rafforzare la vocazione turistica e ambientalista ma nella tutela di tutte le attività economiche”.
varchi di accesso alle Ztl
Società

Dopo la lunga discussione nello scorso Consiglio comunale, torna a far parlare di sé l’aggiornamento del Piano del traffico urbano approvato in Giunta il 1° luglio, e che cambierà non poco la viabilità cittadina.

Nella “partita” entra anche Fipe-Confcommercio, che esprime “grande preoccupazione per le numerose attività commerciali che saranno messe in gioco dal nuovo piano che, a quanto è dato a sapere, verranno interessate dall’ampliamento delle Ztl, dal divieto di accedere in auto nel perimetro della cinta muraria, dall’eliminazione di numerosi stalli, dall’impossibilità di istallare o ampliare i dehors e dall’aumento della tariffa oraria nei parcheggi blu”.

In una nota, il Presidente Graziano Dominidiato spiega: “Il documento rappresenta una svolta epocale nella mobilità cittadina per i prossimi vent’anni, è quindi necessario che si individuino soluzioni condivise per rafforzare la vocazione turistica e ambientalista della Città ma nella tutela di tutte le attività economiche”.

Preoccupazione che si lega ad una sfida. Per la quale, però, serve dialogo: “Prendiamo della grande sfida che ha lanciato la Giunta del Sindaco Gianni Nuti che vuole dare impulso a modelli innovativi di mobilità sostenibili da integrare agli strumenti di pianificazione capaci di tutelare l’ambiente e migliorare la qualità della vita dei cittadini di Aosta atto – prosegue Dominidiato –, ma è necessario anche saper conciliare quelle esigenze di sviluppo e interconnessione del territorio ad un modello di trasporto integrato e sostenibile”.

La proposta lanciata alla Giunta del Capoluogo è quella dell’istituzione di “gruppi di lavoro che si occupino di mobilità ciclabile, mobilità casa-scuola, scuola – centri sportivi, mobilità casa-lavoro, centro storico/ZTL/aree di sosta, accesso al centro storico, logistica cittadina, mobilità per le categorie fragili/portatori di disabilità, mobilità turistica, trasporto pubblico locale, logistica, città – funivia Aosta-Pila”.

Anche perché, chiude il Presidente Confcommercio, “il coinvolgimento della cittadinanza e delle categorie interessate favorirà lo scambio di idee che aumenterà le conoscenze in possesso dei professionisti che l’hanno redatto e degli Amministratori stessi che l’hanno adottato. Tutto questo per favorire l’integrazione e la complementarità nel rispetto di criticità, esigenze e bisogni specifici. Non bisogna dimenticare che Aosta è una città con un’alta percentuale di anziani e che è fondamentale dare l’opportunità ad essi e ai turisti di accedere con facilità al centro storico, solo in questo modo la città può attrarre i visitatori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società