VIDEO Cronaca

Ultima modifica: 11 Settembre 2020 8:30

‘Ndrangheta, il difensore di Sorbara: “non sapeva della presenza della ‘locale’”

Aosta - Intervista all’avvocato Corrado Bellora, co-difensore del consigliere regionale sospeso accusato di concorso esterno in associazione mafiosa nel processo “Geenna”, in corso al Tribunale di Aosta. “Non è emersa alcuna prova” del reato contestato.

“Non è emersa alcuna prova a dibattimento” del concorso esterno in associazione mafiosa di cui la Dda di Torino accusa il consigliere regionale sospeso Marco Sorbara nel processo “Geenna”, in corso al Tribunale di Aosta su infiltrazioni di ‘ndrangheta nella regione. A sostenerlo è l’avvocato Corrado Bellora, co-difensore dell’imputato che ripercorre – al microfono di Christian Diemoz – l’arringa tenuta nell’udienza di giovedì 10 settembre, subito dopo quella del collega Raffaele Della Valle, intervenuto in mattinata. “Che Marco Sorbara dovesse sapere che Antonio Raso fosse un esponente della ‘locale’ di Aosta – ha affermato il penalista aostano in aula, chiedendo l’assoluzione del suo assistito (l’accusa ha chiesto 10 anni di reclusione, ndr.) – non risulta da nessuna parte”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo