Economia e lavoro di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 24 Novembre 2020 9:38

Sindacati, proclamato per il 9 dicembre lo sciopero nazionale del personale dipendente

Aosta - Ad annunciare la decisione, presa a causa delle gravi carenze di organico e i mancati percorsi di stabilizzazione per i precari delle amministrazioni pubbliche e alle risorse finanziarie sufficienti per il rinnovo dei contratti collettivi nazionali e regionali, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

Coinvolgerà anche la Valle d’Aosta lo sciopero nazionale di tutto il personale dipendente proclamato da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl per l’intera giornata di mercoledì 9 dicembre.

Nel dettaglio, lo sciopero coinvolgerà il personale degli enti e delle amministrazioni a cui si applicano il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL), ma anche quello regionale (CCRL) del personale dei Comparti e delle Aree Funzioni Centrali, delle Funzioni locali e della Sanità.

I motivi sono messi in fila – in una nota – dalle stesse organizzazioni sindacali che contestano “l’assenza, ad oggi, di misure straordinarie e di un piano generalizzato in tutte le amministrazioni pubbliche dello Stato, degli enti locali e della sanità di assunzioni in tempi rapidi, volte a colmare le gravi carenze di organico che insistono nelle pubbliche amministrazioni” anche in relazione alle “necessità imposte dall’emergenza pandemica e dalla crisi economica”.

Non solo. A mancare, secondo Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl sono anche le “misure volte a prorogare i requisiti previsti dal decreto 75/17 relativi alle procedure di stabilizzazione” e la garanzia di “proroghe dei contratti e percorsi di stabilizzazione per tutti i precari delle amministrazioni pubbliche”. A questo si aggiunge “la mancata revoca e modifica del DM 19.10.20, emanato dal ministro della pubblica amministrazione, con cui si limitano e si ledono diritti e tutele fondamentali dei lavoratori e si riducono le prerogative sindacali contravvenendo al sistema di relazioni sancito dai contratti collettivi”.

Il tutto con riflessi anche regionale. Infatti, nella nota – firmata da Igor De Belli, Pietro Trovero (Cgil), Paolo Decembrino, Chiara Pasqualotto (Cisl), Ramira Bizzotto e Marilena Melidona (Uil) – viene “constatato, in particolare, che nel disegno di legge di bilancio non sono previste risorse finanziarie sufficienti per il rinnovo dei contratti collettivi nazionali e regionali di lavoro del personale dei comparti e delle aree delle Funzioni Centrali, delle Funzioni locali e della Sanità, necessarie per completare il recupero salariale di quanto perso nel precedente decennio di blocco contrattuale”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Un commento su “Sindacati, proclamato per il 9 dicembre lo sciopero nazionale del personale dipendente”

  • Se non ve ne foste accorti vi do due spunti per scioperare veramente. Il consultorio di St Pierre chiuso per mancanza di personale infermieristico ed una semplice visita dei nei, quindi prevenzione, non effettuabile in tutta la VDA perché le agende sono chiuse. Forse però leggo che con l’aiuto di alpini e protezione civile si potrà riaprire il consultorio. Dajeeee

Commenta questo articolo