Approvato in Giunta un piano da 2,5 milioni contro i rischi idrogeologici

La delibera approvata questa mattina prevede anche il ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture per i comuni interessati dai danni causati dal maltempo degli scorsi 2 e 3 ottobre 2020.
Lilianes torrente Lys
Politica

La Giunta regionale ha approvato oggi – lunedì 4 ottobre – il programma straordinario di finanziamento degli interventi per la riduzione dei rischi idrogeologici che prevede anche il ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture nei comuni interessati dai danni causati dal maltempo del 2 e 3 ottobre 2020.

Con l’atto odierno approviamo i contributi a sostegno delle spese di ripristino ai Comuni pesantemente interessati dai danni dell’alluvione dell’ottobre del 2020, quali quelli di Cogne, Gressoney-La-Trinité, Gressoney-Saint-Jean, Gaby, Issime, Fontainemore, Lillianes, Perloz, Pont-Saint-Martin, Donnas, Hône, Champorcher e Pontboset ha spiegato l’Assessore alle Opere pubbliche e Territorio Carlo Marzi –. Il Consiglio regionale, con l’assestamento di bilancio dello scorso mese di luglio, ha già stanziato l’importo complessivo dei contributi da concedere, per circa 2 milioni e 540mila euro”.

“Gli interventi – aggiunge Marzi – consentono di finanziare opere essenziali, quali la messa in sicurezza e manutenzioni di barriere paramassi, sentieri, piste e versanti e ripristini dei servizi e delle infrastrutture danneggiate, con interventi sulle strade comunali, aree, edifici pubblici e impianti danneggiati, tutti interventi individuati dai comuni e passati al vaglio della Protezione civile”.

Il programma contiene anche i criteri e le modalità per la concessione e l’erogazione dei contributi ai Comuni, sulla base del programma di interventi predisposto dalla struttura regionale competente in materia di difesa dai rischi idrogeologici.

Gli interventi comprendono opere per la riduzione del rischio idrogeologico su centri abitati e sulle infrastrutture e il ripristino dei servizi pubblici e delle infrastrutture, con priorità data agli Enti locali individuati nel Piano di intervento del Capo del Dipartimento della Protezione Civile e nella delibera del Consiglio dei Ministri del 12 febbraio 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Politica