Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 24 Aprile 2021 12:23

Lo Spi-Cgil critico verso il Defr 2021/23: “Non fornisce risposte serie e concrete”

Aosta - Il sindacato dei pensionati ha analizzato il Documento di economia e finanza regionale approvato in Consiglio Valle, ritenuto: "Denso di risposte a breve termine sul Covid mentre gli obiettivi di lungo periodo sono più sfocati".

Cgil AostaCgil Aosta

Un documento che “non fornisce risposte serie e concrete ai problemi che ostacolano lo sviluppo armonioso nel nostro territorio”.

Questo il giudizio espresso da Spi-Cgil Valle d’Aosta nei confronti del Defr 2021/23, il Documento di economia e finanza regionale, approvato in Consiglio Valle lo scorso 9 aprile.

Approvazione a seguito della quale il sindacato dei pensionati ha ritenuto di doverne approfondire i contenuti, con l’appoggio dell’Istituto di ricerca Ires Morosini.

“Analisi, riflessioni e considerazioni sul documento di economia e finanza regionale, che traccerà le linee guida per la redazione del prossimo bilancio regionale, sono per noi indispensabili per capire quali siano le priorità, la progettualità e le soluzioni che si intendono realizzare”, scrive il sindacato in una nota.

Analisi che però hanno lasciato l’amaro in bocca: “Secondo lo Spi Cgil Valle d’Aosta – prosegue il comunicato – il Defr 2021-2023 della Regione non fornisce risposte serie e concrete ai problemi che ostacolano lo sviluppo armonioso nel nostro territorio. Ci riferiamo soprattutto ai nodi strutturali di una sanità ospedalocentrica e poco organizzata, alle infrastrutture per i trasporti insufficienti, al mercato del lavoro caratterizzato dalla forte incidenza del precariato e alla non adeguata presenza di servizi a favore degli anziani”.

Un documento che si basa troppo sul qui e ora, “denso di risposte a breve termine sul Covid mentre gli obiettivi di lungo periodo sono più sfocati – scrive ancora il sindacato -. Sulla sanità, a distanza di più di 10 anni, è ancora incerta la strategia da adottare relativamente all’ospedale Parini e nella nostra regione manca ancora un servizio epidemiologico. C’è inoltre incertezza sul destino delle riforme avviate nel 2019/2020, basti leggere la recente relazione della Corte dei Conti sulle difficoltà che incontra la riforma regionale del mercato del lavoro”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo