Società di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 2 Dicembre 2020 14:37

Boudza-té, a Charvensod 54 abitanti hanno percorso in bici o a piedi oltre 14mila km

Charvensod - Conclusa la seconda edizione, i tsarvensolèn che hanno accumulato più km sono stati Fabrizio Dumanoir (1.442), Stefano Rollet (1.008), Alessandro Olianas e Daniele Vallet (825). "Vogliamo puntare sempre di più sui temi ambientali non più derogabili" ha spiegato il Sindaco Borbey.

Biciletta - pista ciclabile

Charvensod è stato il primo Comune a credere in una modalità di trasporto alternativa, che si sta diffondendo sul territorio valdostano e ne siamo orgogliosi”.

Così il vicesindaco Laurent Chuc commenta la conclusione dell’edizione 2020 del progetto Boudza-tè che ha visto 54 tsarvensolèn spostarsi in bici o a piedi per raggiungere il luogo di studio o di lavoro, percorrendo, in totale, 14.066,80 km.

Le persone che hanno accumulato più km sono stati Fabrizio Dumanoir (1.442 km), Stefano Rollet (1.008 km), Alessandro Olianas e Daniele Vallet (825 km).

“Erogheremo 2.831 euro in incentivi da spendere nelle attività del territorio che hanno aderito all’iniziativa, entro il 30 aprile 2021”, prosegue Chuc, che annuncia: “Il progetto proseguirà nel 2021, con alcune novità che stiamo concordando per favorire una mobilità sempre più dolce e per sensibilizzare i tsarvensolèn sulle tematiche ecologiche, ambientali e sostenibili”.

Charvensod ha partecipato, inoltre, al progetto “Tandem bici in Comune”, iniziativa promossa da Iren in collaborazione con Anci, volta a mettere in evidenza le buone pratiche in materia di economia circolare, sostenibilità ambientale e mobilità alternativa nei piccoli comuni.

“Grazie a Boudza-té, siamo risultati tra i 50 vincitori del progetto – spiega il sindaco di Charvensod Ronny Borbey –. Come riconoscimento della validità della nostra proposta, ci sono state consegnate due ebike, che saranno a disposizione dell’Amministrazione comunale. Vogliamo puntare sempre di più sui temi ambientali, attuali e non più derogabili. Con l’avvio di questa nuova consiliatura, abbiamo anche istituito una delega specifica all’ecosostenibilità, attribuita al vicesindaco, proprio perché riteniamo che sia urgente assumere decisioni e orientare scelte che, partendo dall’Amministrazione come esempio, ricadano su tutti come buona pratica”.

Parlando poi di una delle principali criticità del territorio che amministra, Borbey conclude: “Auspichiamo che la Regione autonoma Valle d’Aosta prenda in considerazione le nostre osservazioni sul traffico veicolare attorno alla rotonda di Pont-Suaz, oggettivamente non più sostenibile”.

Daniele Vallet con il Vicesindaco ed il Sindaco di Charvensod Laurent Chuc e Ronny Borbey
Daniele Vallet con il Vicesindaco ed il Sindaco di Charvensod Laurent Chuc e Ronny Borbey

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo