La fine dei lavori per il primo lotto della Nuova università è prevista per il 15 novembre

A spiegarlo l'assessore alle Opere pubbliche Carlo Marzi: "Una volta completati i lavori, l’installazione degli arredi e i collaudi tecnici, la struttura sarà consegnata a UniVdA”. Una consegna che - a scanso di intoppi - è prevista per l'inizio del 2023.
La Nuova Università della Valle d'Aosta
Società

Con l’ultima delibera di Giunta – approvata questa mattina, lunedì 10 ottobre, relativa al completamento del parcheggio con rampa di accesso al secondo piano interrato e l’adeguamento dei corrispettivi a seguito dell’aumento dei prezzi –, arriva anche una data: la fine dei lavori del primo lotto del Polo universitario della Valle d’Aosta è prevista per il 15 novembre.

Attualmente, spiega l’assessore alle Opere pubbliche Carlo Marzi, “sono in corso le lavorazioni finali della facciata sud e su alcuni ambienti interni. Già alla fine di giugno, con l’emissione si era già raggiunto il 97 per cento dei lavori previsti (erano al 90 a febbraio, ndr.), con un appalto dei lavori pari a circa 38 milioni di euro Iva compresa”.

“Nella primavera di quest’anno è stata espletata la gara relativa alla fornitura degli arredi interni – aggiunge Marzi – e in data 22 luglio è stato sottoscritto il contratto per la consegna degli allestimenti delle aule e degli spazi comuni, compresa l’aula magna posta al primo piano interrato, prevista entro la fine dell’anno. Una volta completati i lavori, l’installazione degli arredi e i collaudi tecnici, la struttura sarà consegnata a UniVdA”.

Una consegna che – a scanso di intoppi – è prevista per l’inizio del 2023.

Le aree esterne

Nuova Università - Nuv - UniVdA
Nuova Università

“Riguardo i lavori di sistemazione delle aree esterne – dice ancora l’assessore –, sono state pressoché completate tutte le demolizioni dei muri perimetrali e si sta procedendo con la sistemazione delle aree a verde dell’ex Piazza d’armi e dei percorsi pedonali illuminati”, dopo che una delibera di metà maggio aveva dato l’“ok”, mettendo sul tavolo 190mila euro.

Sul verde, Marzi spiega: “Nei prossimi mesi si procederà inoltre con la piantumazione di 40 esemplari di piante di diversa specie arborea, per rendere più fruibile l’area in oggetto. La sistemazione a verde e i collegamenti pedonali illuminati sono previsti anche per le aree di raccordo con piazza della Repubblica. Le aree esterne saranno destinate a uso pubblico e saranno gestite dall’Amministrazione comunale di Aosta, come già avviene per i parcheggi in via Monte Vodice e via Monte Pasubio, consegnati e aperti al pubblico nel mese di settembre 2021”.

La delibera di oggi: la rampa per il secondo piano interrato del parcheggio

I parcheggi di via Monte Vodice

La delibera adottata nella seduta di oggi, 10 ottobre, è una “presa d’atto di lavori aggiuntivi, adeguamento prezzi e spese tecniche” che riguardano “gli interventi per la realizzazione del Primo lotto del polo universitario” che prevede una spesa di 1 milione 165mila euro – somma stanziata dal Consiglio Valle lo scorso 28 luglio, in sede di assestamento al bilancio previsionale 2022.

Risorse “per nuove esigenze economiche in servizi e lavori, originariamente non previsti, ma necessari per migliorare e dare piena funzionalità ai lavori in corso – spiega ancora Marzi –. In particolare, consente di completare il parcheggio al secondo piano interrato, situato sotto la palazzina ‘ex Zerboglio’, e di prolungarne la rampa di accesso che si aggiunge al piano al livello -1, realizzato con il primo lotto di lavori, completo per l’utilizzo e raggiungibile tramite una rampa con ingresso e uscita da via Monte Solarolo”.

Il livello -1 consente la sosta di 34 autoveicoli, mentre il livello -2 consente potenzialmente di parcheggiare ulteriori 77 autoveicoli.

Marzi conclude: “Con il potenziale aumento degli utenti al parcheggio e con la previsione di cambiamento delle linee di traffico espresse dal Comune di Aosta (ovvero le direttive scritte sul nuovo Piano generale del traffico urbano, ndr.), si è inoltre previsto di modificare la corsia di ingresso della rampa di accesso ai piani interrati. Lasciando inalterata la corsia di uscita ed il suo innesto su via Monte Solarolo, l’accesso alla struttura avverrà direttamente dal parcheggio di via Monte Pasubio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte