Video 

Marché Vert Noël, alla scoperta dei Mercatini di Natale ad Aosta

Il Marché Vert Noël - giunto alla 14ª edizione - è ufficialmente aperto e visitabile da residenti e turisti, tutti i giorni dalle 10.30-20 (il 25 dicembre e il 1° gennaio alle ore 15), fino a domenica 8 gennaio 2023.
Società

Il Marché Vert Noël – giunto alla 14ª edizione – è ufficialmente aperto e visitabile da residenti e turisti, tutti i giorni dalle 10.30-20 (il 25 dicembre e il 1° gennaio alle ore 15), fino a domenica 8 gennaio 2023.

La grande novità del mercatino natalizio di Aosta del 2022, organizzato dal Comune, dall’Amministrazione regionale assieme alla Chambre valdôtaine e una serie di partner privati, è la location diffusa”. Dopo anni al cospetto del Teatro romano complici i lavori sul monumento -, infatti, il “villaggio alpino” si diffonde nelle piazze Caveri, Giovanni XXIII e Roncas (come potete vedere nel video qui sopra a cura di Roberto Roux).

Le altre novità dei Mercatini di Natale di Aosta 2022/2023

Oltre alla tripla sede, sono diverse le novità che l’edizione 2022/23 del mercatino porta con sé, soprattutto puntando sul lato della sostenibilità energetica. Ma, soprattutto, con una sfida lanciata: “Da una parte è un ritorno, quello in piazza Caveri – dice l’assessora allo Sviluppo economico del Comune Alina Sapinet -, portando ed estendendo il Marché nelle altre piazze cercando soprattutto di dare una risposta generale a tutta la città, portando l’attenzione anche alle attività produttive del circondario. Spero, con questa edizione, che riusciremo a dare queste risposte, e chiedendo anche un po’ di pazienza a chi risiede in centro. Perché un flusso giornaliero importante chiederà sicuramente un po’ di attenzione da parte di tutti”.

“Perché ha senso fare un mercatino di Natale?”, si chiede e chiede il sindaco di Aosta Gianni Nuti. “Perché l’esperienza della reciprocità e del contatto ha un suo valore di conforto, vicinanza e presenza. Per questo il Marché Vert Noël riveste un valore culturale oltre che commerciale e turistico. L’obiettivo è quello di ricostruire un’area di sogno, di vicinanza al cuore della città ma allo stesso tempo di rilettura dei luoghi con nuovo allestimento, una nuova scenografia e un nuovo gioco di luci. Una sfida che deve mantenere l’affezione che i cittadini hanno dimostrato negli anni e ma fare vedere con una nuova attenzione ad altre parti di città”.

Un Natale attento allo spreco energetico

Tra i partner c’è, da tempo, la Chambre valdôtaine, che quest’anno propone un doppio progetto per le festività: i 23 alberelli dislocati per il centro – realizzati da alcuni artigiani e decorati dai ragazzi del Liceo artistico – creati riutilizzando il “vecchio” albero di Natale hi-tech scalabile, installato nel 2018.

Non solo: “L’inaugurazione del Marché Vert Noël è l’inizio della stagione invernale, la più importante dell’anno, sia per l’accoglienza sia per la produzione artigianale – ha spiegato il presidente della Chambre Roberto Sapia -. Per noi è un appuntamento importantissimo. Per il imprese il 2022 è stato un anno buono, ma da settembre abbiamo vissuto un notevole aumento dei costi dell’energia e delle materie prime. L’idea è stata quella di cominciare a pensare alla sostenibilità. Oltre ai 23 alberelli realizzati con il riuso dell’albero di Natale tecnologico, abbiamo pensato ad un arredo urbano più elegante e d’impatto con 115 vasi con i rami luminosi a led, che accompagneranno i visitatori ai mercatini”.

Discorso che fa il paio con l’investimento del Comune per le luminarie che, come emerso qualche settimana fa, verranno spente a mezzanotte e mezza nei giorni feriali e alle una di notte in quelli festivi.

Nuti aggiunge un dettaglio, ovvero quello dell’accensione mattutina: “Non le accenderemo al mattino che è un momento di grande consumo. In genere si accendevano tra le 6 e le 8, quest’anno non lo faremo. Però non ridurremo l’illuminazione pubblica, le luminarie saranno molte di più rispetto al passato e in più zone della città, e saranno a led, a basso consumo e calde. La politica è: si spengono prima e non si accendono al mattino”.

Ingressi a prezzi calmierati per i siti archeologici e culturali

La presentazione del Marché Vert Noël 2022. Da sx: Sapia, Guichardaz, Nuti, Lavévaz e Sapinet
La presentazione del Marché Vert Noël 2022. Da sx: Sapia, Guichardaz, Nuti, Lavévaz e Sapinet

Dal côté regionale, la sfida si sposta ancora: “Questa manifestazione ha, per la città e l’intera regione, una enorme importanza – ha detto l’assessore regionale ai Beni culturali Jean-Pierre Guichardaz -. Anche perché mercatini di Natale di Aosta ormai sono un must, sono davvero considerati a livello Europeo ma non solo tra i più belli e suggestivi. Sono anche fulcro e luogo di smistamento, prima delle vacanze natalizie, per un turismo che, con la scusa di vedere i mercatini, si estende alle località limitrofe. Vogliamo che il Marché possa essere classificato al primo posto tra quelli più belli del mondo”.

La volontà è quella di far girare i turisti ben oltre le tre piazze del Marché: “L’occasione è anche quella di far frequentare siti archeologici – aggiunge l’assessore -, per i quali abbiamo immaginato un biglietto al prezzo di 5 euro per visita, e per i siti culturali ed i castelli oltre la città. Creando  così unpacchetto di vacanza’ attorno all’evento centrale. A novembre, inoltre, verrà riaperto il Museo naturalistico al castello di Saint-Pierre. Anche questa è un’occasione, attorno ad Aosta, per progettare una vacanza su più giorni per i turisti”.

Gli accompagnatori di media montagna

Tornando dentro il Marché, Guichardaz spiega come, quest’anno, “oltre ai maestri di sci e alle guide alpine sarà presente anche l’associazione delle guide escursionistiche, resesi disponibili a raccontare la nostra regione ai visitatori. È importante che siano tutti e tre assieme perché sta prendendo il via, e siamo alle fasi finali, la norma sugli accompagnatori di media montagna, che costruirà una nuova figura intermedia con l’obiettivo specifico di farla diventare testimonial del turismo anche più a bassa quota”.

Tra i classici, rimane lo chalet dell’Associazione nazionale alpini – quest’anno in piazza Roncas – “con la raccolta di fondi che quest’anno andranno in beneficenza a La Casa di sabbia onlus che si occupa di bambini con gravi disabilità”, aggiunge Sapinet.

La chiusa tocca al presidente della Regione Erik Lavévaz: “Il Marché Vert Noël è un evento diventato importante non solo per i prodotti tipici e artigianali ma per tutta la nostra cultura e per le professioni della montagna – ha detto -. È anche un momento di serenità che permette di anticipare il clima di meraviglia che si respira per le vie cittadine, ma anche una valorizzazione a livello emotivo, che crea ricordi e mette in luce le nostre peculiarità e le eccellenze in un ambiente positivo”.

8 risposte

  1. Amministrazione addormentata… Si occupano delle stupidaggini invece che dei residenti… Evidentemente conta più fare soldi e far cassa…poco importa che il centro sia invivibile: puzzo di fritti per chi ha la sfortuna di avere un locale a piano terra del condominio, notti insonni per chi ha la sfortuna di avere a piano terra un bar, sporcizia, vomito, urina… Ma ” le attività commerciali fanno vivere il centro” uno slogan creato ad hoc per chi ha a cuore solo di far cassa!!! Locali commerciali imparate a rispettare, comune impari a vigilare e sanzionare… Troppo comodo occuparsi delle stupidaggini con i soldi altrui!!!

  2. Complimenti a chi avrebbe dovuto avvisare i residenti del fatto che non avrebbero potuto rientrare a casa in auto (APS, Comune, regione????) perchè le vie di accesso erano chiuse per i mercatini.
    Ben vengano i mercatini, i turisti e quant’altro.
    Le amministrazioni comunali e regionali dovrebbero però occuparsi anche dei residenti di quelle zone non solo quando gli viene negato l’accesso in casa ma anche quando le auto sfrecciano a 50 km/h in Via martinet per accedere in centro eludendo completamente le telecamere poste invece in altri ingressi al centro storico della città.
    Meditate assessori comunali e regionali nonché Sindaco.

  3. Certo, ci sono zone di Aosta senza lampioni, ma il luna park in contro continua! Non c’è sicurezza, ma ci sono i locali con musica a tutto volume, rumori molesti perché “i giovani devono pur far qualcosa” (peccato che ci sono giovani che desiderano studiare, riposare, fare sport ma contano di piu quelli che vanno a ubriacarsi che vogliono la musica da discoteca in centro) e zero rispetto per i residenti… Bravi pensate ai soldi e ai commercianti “che fanno vivere il centro”. Non pensate ai cittadini, ai residenti, alle famiglie che vivono in centro. COMPLIMENTI!

  4. A novembre già in mercatini di Natale??????? Mi sembra esagerato iniziarli così presto…..e complimenti all’amministrazione comunale ligia al risparmio energetico (CAPITALE DELL’AMBIENTE) che ha già accesso tutte le luci natalizie a NOVEMBRE…..

  5. Occuparsi dei dehors ovunque, del continuo disturbo della quiete publica per i residenti no? Solo vendere e fare soldi, alro che capitale della cultura! Un Pessimo Luna park x turisti! Fate più controlli nei locali! Siate credibili! Ormai i bar e i ristoranti fanno quello che vogliono, i residenti se ne vanno dal centro loro malgrado… E tutto un acchiappa arraffa più soldi che puoi e scappa. Complimenti, mettete le luci e continuate a vendere!

  6. Dei disagi di tutti coloro che vivono e si spostano all’interno del Centro per lavoro, neanche una parola. L’importante è far diventare Aosta un bel parco giochi… per gli altri.
    Sostenibilità per le lampadine, non per gli abitanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte