Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 17 Maggio 2021 18:56

‘Ndrangheta, appello Geenna: l’accusa chiede 13 anni e 6 mesi per Raso

Per gli altri imputati - i presunti "partecipi" Prettico e Giachino e gli accusati di concorso esterno Sorbara e Carcea - la richiesta è di confermare la sentenza di primo grado. Prossima udienza il 31 maggio.

tribunale torino

Tredici anni e sei mesi di carcere per il ristoratore Antonio Raso. Conferma della sentenza di primo grado, pronunciata dal Tribunale di Aosta nel settembre 2020, per gli altri imputati. Vale a dire 11 anni ognuno per i dipendenti del casinò Nicola Prettico e Alessandro Giachino, accusati di associazione di tipo mafioso assieme al titolare della pizzeria “La Rotonda”, e 10 anni a testa per l’ex consigliere regionale Marco Sorbara e per la già assessora alle finanze del comune di Saint-Pierre Monica Carcea, per i quali l’imputazione è di concorso esterno nel sodalizio.

Sono le richieste di pena avanzate dal sostituto pg Giancarlo Avenati Bassi, al termine della requisitoria che ha monopolizzato l’udienza di oggi,  lunedì 17 maggio, del processo “Geenna” alla Corte d’Appello di Torino. Il procedimento, frutto delle indagini condotte dal 2014 dai Carabinieri del Reparto operativo, coordinate dalla Dda del capoluogo piemontese, riguarda l’organizzazione di una “locale” di ‘ndrangheta ad Aosta, con a carico dinamiche infiltrative di varia natura (il comune di Saint-Pierre è, ancora oggi, commissariato a seguito dell’accesso antimafia effettuato).

Raso è chiamato a rispondere anche di scambio elettorale politico-mafioso. Da un episodio contestatogli, nel giudizio di primo grado, era stato assolto: per questo l’accusa, a seguito del ricorso della Dda, ha chiesto oggi una pena superiore ai 13 anni che gli erano stati inflitti in primo grado. L’udienza, iniziata lo scorso 3 maggio, è stata quindi aggiornata al prossimo 31 maggio, quando la discussione toccherà alle parti civili (si sono costituiti i comuni di Aosta e Saint-Pierre, la Regione e l’associazione Libera Valle d’Aosta) e, tempo permettendo, inizieranno le arringhe delle difese.

La sentenza, sulla base della calendarizzazione attuale, è attesa per il prossimo 21 giugno. Domani, martedì 18 maggio, sempre al Palazzo di Giustizia di Torino, inizierà invece il processo in Corte d’Appello, dinanzi ad una diversa Sezione, per gli undici imputati che avevano scelto il rito abbreviato, chiusosi con condanne per tutti nel luglio 2020. A giudizio ci sono, tra l’altro, figure ritenute di rilievo della “locale”: Bruno Nirta, i fratelli Marco Fabrizio e Roberto Alex Di Donato e Francesco Mammoliti.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo