Fratelli d’Italia contro la co-progettazione per il Giacosa: “Un incubo”

In una nota il Segretario cittadino di Fratelli d'Italia Aiello critica aspramente la decisione del Comune che punta ad una gestione del Giacosa e del Café du Théâtre affidata alle associazioni culturali e del Terzo settore: "Il sogno del sindaco Nuti è probabilmente quello di creare una sorta di Leoncavallo in centro ad Aosta".
Il teatro Giacosa
Politica

A Fratelli d’Italia il percorso intrapreso dal Comune di Aosta per la gestione in co-progettazione del Teatro Giacosa e del Café du Théâtre non piace.

Non lasciano infatti dubbi le parole di Lorenzo Aiello, ex consigliere comunale e segretario cittadino di FdI: “Il sogno del sindaco Nuti è probabilmente quello di creare una sorta di Leoncavallo in centro ad Aosta, mischiando propositi fumosamente ‘progressisti’ a narcisistiche incursioni in campi che apparterebbero più propriamente al Dipartimento di Salute mentale, stante l’asserita valenza sostitutiva degli psicofarmaci che a suo dire la nuova gestione in co-progettazione dovrebbe assicurare”.

La critica arriva dopo l’incontro tra il Primo cittadino e le associazioni culturali, di volontariato e del Terzo settore dello scorso venerdì.

“Si tratta invece di un incubo e molto probabilmente di un tranello teso alle associazioni, infatti apparse estremamente prudenti – aggiunge Aiello –, che, nella migliore delle ipotesi, si ritroverebbero a gestire la struttura per soli due anni a fronte di un investimento non indifferente, se non altro per creare la struttura associazionistica necessaria, come esplicitato dal sindaco, cui devolvere comunque il 10% dell’incertissimo fatturato”.

Il “nodo” della sicurezza

Aiello si concentra poi sulla “questione sicurezza”, sollevata dall’ex affidatario del bando di gestione e tra i motivi della rinuncia.

“La giunta continua a tergiversare sulle questioni di sicurezza sollevate dal vincitore dello scorso bando e mente, sapendo di mentire, dicendo, come ha fatto il sindaco Nuti nel corso della riunione con le associazioni, che il Giacosa è da qualificarsi definitivamente come non attrattivo per una realtà imprenditoriale, quando in verità l’unica cosa a non essere attrattiva è la prospettiva di chiudere tutto nel 2024 quando scadrà il certificato di prevenzione incendi”.

“Chiediamo venga fatta chiarezza sulla questioni critiche del teatro Giacosa e che si fermi subito questa grottesca commedia – chiude il segretario cittadino di Fratelli d’Italia –: che il Comune si faccia invece carico della messa a norma della struttura ed elabori un progetto concreto per il futuro del suo futuro. Insistere su questa strada fatta di progetti ‘utopistici’ e in realtà distopici porterà solo a compromettere ulteriormente il futuro di due locali storici di Aosta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte