Politica di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 11 Dicembre 2020 13:12

Legge per la riapertura, la Lega esulta. Per Adu è “inutile e pericolosa”

Aosta - “Grazie a questa legge – spiega la Lega – la Valle d’Aosta riprende la propria centralità, riparte e torna a vivere e lavorare". Di parere diametralmente opposto Adu parla di una legge "di scarsa utilità, salvo esporre la Regione a responsabilità significative sul piano penale, civile e contabile".

Aosta CentroAosta Centro

Due visioni opposte e inconciliabili. Il giorno prima l’entrata in vigore della legge – pubblicata questa mattina sul bollettino ufficiale – che consente alla Valle d’Aosta di adattare le misure nazionali di contrasto al Coronavirus alla realtà locale, il provvedimento continua a dividere.

Dopo aver rischiato di spaccare la maggioranza in Consiglio Valle – cosa effettivamente avvenuta, vista l’approvazione con il supporto della Lega e l’astensione del Progetto civico progressista – la legge fa emergere posizioni diametralmente opposte.

Da un lato la Lega Vallé d’Aoste, che quel provvedimento aveva depositato a fine ottobre, trovando la condivisione – sebbene emendato – prima in Commissione e poi in aula esulta ed “esprime soddisfazione per l’avvenuta pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Valle d’Aosta della legge ‘Misure di contenimento della diffusione del virus SARS-COV-2 nelle attività sociali ed economiche della Regione Autonoma Valle d’Aosta in relazione allo stato di emergenza’”.

“Con questa legge – prosegue il Carroccio –, a partire dal giorno della sua entrata in vigore, ovvero domani, le attività commerciali al dettaglio, i servizi alla persona, i servizi di ristorazione e di somministrazione di alimenti e bevande, attività artistiche, culturali compresi musei, biblioteche e centri giovanili, strutture ricettive e le attività turistiche, impianti a fune ad uso turistico o ricreativo, attività produttive e industriali, artigianali e commerciali ubicate ed esercitate sull’intero territorio regionale potranno svolgere regolare attività”.

Un’apertura che – dice sempre la Lega – “non richiede infatti delibere attuative o ordinanze regionali, in quanto la legge è già di per sé automaticamente vigente dal giorno successivo alla sua pubblicazione. L’unica prescrizione che tali attività dovranno rispettare, per garantire una apertura in sicurezza, saranno quelle previste all’articolo 2 comma 10, ovvero la possibilità di garantire il distanziamento, l’ingresso scaglionato ed il rispetto dei protocolli di sicurezza vigenti”.

“Grazie a questa legge – chiude la nota – la Valle d’Aosta riprende la propria centralità, riparte e torna a vivere e lavorare, e riafferma ancora una volta il valore indiscutibile della nostra Autonomia”.

Adu: “Una legge inutile e pericolosa”

L’altro lato della medaglia è Adu VdA, che in un comunicato praticamente contemporaneo a quello leghista spiega che “nella giornata della pubblicazione della cosiddetta legge regionale anti DPCM” ribadisce che “la valutazione del provvedimento non può che essere negativa”.

“Sul piano della tecnica legislativa, si tratta di un testo oggettivamente confuso – prosegue la nota –, con diversi errori evidenti, alcuni ricopiati direttamente dalla legge Altoatesina, rispetto alla quale, però, sono state stralciate parti fondamentali. Tenuto conto delle disponibilità finanziarie della Regione Autonoma, dei buoni rapporti che la stessa intrattiene con diversi giuristi di chiara fama, del fatto che si tratta di una copiatura di una legge precedente, già esaminata dalla dottrina, e della probabile reazione dello Stato centrale, ci si sarebbe aspettato uno sforzo intellettuale maggiore nella redazione del provvedimento”.

Il problema, per Adu, è però un altro: “Sul piano dei contenuti, la norma risulta avere una scarsa utilità, salvo esporre la Regione, e i suoi amministratori, a responsabilità significative sul piano penale, civile e contabile, in caso di una recrudescenza dei contagi per l’elusione della normativa statuale. Da notare, in proposito, che la scelta dello strumento legislativo, rispetto a quello forse più consono dell’ordinanza, ha come conseguenza una responsabilità in solido dei consiglieri votanti, anziché del singolo Presidente”.

“Sicuramente – chiude Adu –, è uno degli episodi più importanti del conflitto che da secoli oppone potere centrale e potere locale valdostano e ha avuto, almeno sul breve periodo, una ricaduta positiva, per l’attore periferico, sul piano dell’immaginario identitario. La scelta di privilegiare il profitto, anziché la salute pubblica segna però una cesura importante rispetto ad una tradizione autonomista che, almeno in teoria, ha come scopo dichiarato una maggiore efficacia rispetto alla tutela dei diritti tra cui, primo fra tutti, il diritto alla salute e alla vita, dei membri della comunità valdostana”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

4 commenti su “Legge per la riapertura, la Lega esulta. Per Adu è “inutile e pericolosa””

  • Tante belle parole ed iniziative da parte di tutti, ma soprattutto demagogia e populismo. Apriamo l’economia regionale e dimostriamo di essere in possesso di autonomia decisionale e palle per farla rispettare. Cerchiamo allora di applicare questa autonomia sulla scuola e sulle attività sportive dei ragazzi,visto che ci sono giovani atleti che, non facendo sci, sono fermi da mesi per la chiusura di stadi e palestre.

  • Ai primi di gennaio non potra’ che riprendere la pandemia a ritmi esponenziali (raddoppio ogni sette giorni) poi con la riapetura delle scuole e l’arrivo dell’epidemia infuenzale a fine gennaio avremo di nuovo l’unico ospedale pieno. Il successivo lockdown necessario se non vogliamo vedere la gente morire per le strade, ci mettera’ economicamente completamente in ginocchio

  • Per i mitici Adu Vda a quanto pare i soldi crescono sugli alberi. E’ pieno di gente che non ha più risorse economiche (leggi: di che vivere) e quelli parlano di “profitto”. Qui si tratta di sopravvivere alla fame.

Commenta questo articolo