Società di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 16 Aprile 2021 11:25

Comune di Aosta, il Tar annulla l’aggiudicazione dell’appalto rifiuti

Aosta - L’appalto della raccolta dei rifiuti e di igiene urbana del Capoluogo, che ora tornerà alla stazione appaltante per ulteriori verifiche, era stato assegnato a De Vizia Transfer SpA. A ricorrere era stato l'attuale gestore, la ditta Quendoz Srl.

L’aggiudicazione dell’appalto della raccolta dei rifiuti e di igiene urbana del Comune di Aosta alla De Vizia Transfer SpA è stata annullata.

Il Tribunale amministrativo della Valle d’Aosta si è pronunciato, lo scorso 16 marzo, e ha accolto il ricorso principale presentato dalla ditta Quendoz srl, che ha ancora il servizio in proroga, per la gara nel quale la società di Jovençan era giunta seconda.

Gara che – dopo un lunghissimo iter tra le mura comunali, chiuso poi in Commissione all’insegna della condivisione -, aveva avuto un “intoppo” sin da subito, da quando cioè alla ditta torinese, aggiudicataria, era stata contestata un’offerta “anormalmente bassa”.

Quendoz aveva ricorso, tra le altre, perché “a fronte dell’autodichiarazione della controinteressata contenente l’elencazione delle sentenze emesse nei confronti dei soggetti della società, dei procedimenti penali risultanti pendenti e di altri fatti potenzialmente di interesse per la valutazione di condotte rilevanti a fini escludenti, aveva il dovere di valutare in concreto l’integrità e affidabilità del concorrente, ma si era invece limitata a condurre una verifica sulla correttezza e completezza della documentazione esaminata”.

Verifica – quella sull’integrità e affidabilità della ditta torinese – che ora i giudici amministrativi chiedono alla stazione appaltante di effettuare. Non sarà invece necessaria l’esclusione tout court di De Vizia dalla gara, che chiedeva Quendoz nel ricorso presentato.

Nella sentenza del Tar – che accoglie il ricorso principale – si legge infatti che “il vizio riscontrato non comporta l’esclusione della controinteressata pretesa dalla ricorrente, ma la necessità di riedizione del potere di valutazione delle circostanze”, e che “tutti gli atti conseguenti debbono essere annullati affinché la Stazione appaltante esamini nuovamente il contenuto della dichiarazione della controinteressata e, anche attraverso un’eventuale attività istruttoria, esprima un motivato giudizio se i fatti ivi segnalati nel loro complesso minino o meno l’integrità e l’affidabilità del concorrente”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo